Sfruttare l’output sharpening di Adobe

La funzione di output sharpening (OS), che in italiano si può tentare di tradurre con nitidezza per la destinazione finale, è nata per controbilanciare la perdita di nitidezza dei dettagli introdotta dal processo di stampa e dal ricampionamento dell’immagine. In questo post vediamo le capacità di OS di Abobe Camera Raw (ACR) per immagini editate in Photoshop (PS) e pronte per “andare in stampa” e un breve accenno all’OS di Lightroom per immagini ricampionate e destinate al Web.

Output sharpening per la stampa da Photoshop

1. Dopo aver impostato la dimensione di stampa (menu Image/Image Size, es: 15 cm x 10 cm), edito l’immagine in PS e quando la ritengo pronta per la stampa la salvo nella cartella “Stampa” in formato TIFF 16 bit:

2. Apro la cartella in Bridge e la carico in ACR con il pulsantino:

3. Apro le impostazioni del flusso di lavoro che trovo in basso sotto l’immagine:

Imposto la risoluzione di stampa, il tipo di carta e la quantità di sharpening preferito e clicco OK. Queste informazioni determinano lo spessore degli aloni di sharpening, intimamente legati alla dimensione finale dei pixel.

4. Clicco Save Images (a sinistra delle impostazioni di workflow) e imposto il formato d’uscita su TIFF:

Clicco Save e chiudo ACR.

4. Da Bridge, riapro l’immagine in PS e la mando in stampa (passa il mouse per vedere lo sharpening aggiuntivo creato da ACR che risparmia parzialmente le zone prive di dettaglio):

Output sharpening per immagini a video

La funzione Esporta di Lightroom permette di ricampionare e ottimizzare al volo le immagini destinate alla visualizzazione a monitor. La trovo particolarmente comoda per le immagini da pubblicare sul Web.

Sotto l’immagine finale partendo da un file da 10 MP, (mouse in solo ricampionamento, mouse out ricampionamento con ottimizzazione dello sharpening):

Conclusioni

Questi semplici metodi permettono di aggirare la mancanza del comando di output sharpening in Photoshop. Considerando che pochi passaggi permettono di accedere a potenzialità implementate da esperti di una materia tanto difficile, almeno un’occhiata la merita di sicuro. Potreste trovarvi ad avere risultati più incisivi senza sforzo e senza sprecare tempo prezioso.

PS: ACR permette anche l’applicazione dell’output sharpening su una serie di immagini contemporaneamente.

Questa voce è stata pubblicata in Color management. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *