Calendario 2019 (ma non solo)

Quando l’anno sta volgendo al termine, si inizia a sentire l’esigenza di dare un’occhiata al calendario dell’anno successivo. Magari per alcuni si tratta solo di curiosità o poco più ma per chi si occupa di programmazione più spesso si tratta di iniziare a raccogliere le prime informazioni per poter stendere una pianificazione sensata.

Diventa quindi fondamentale avere sotto mano un primo supporto che può essere anche semplice ma che deve fornire le informazioni che si stiamo cercando: la cadenza delle festività, l’accavallamento dei mesi, la cadenza di date precise, i “ponti” e altro.

Il calendario, che ho sviluppato con Microsoft Excel 2010 e che metto a disposizione gratuitamente, presenta i mesi a matrice (3×4 su un foglio unico), i giorni della settimana con uno schema fisso dal lunedì alla domenica e i giorni del mese che vanno a inserirsi automaticamente in questo schema. Vengono evidenziate in automatico le festività (Pasqua compresa) e il Santo Patrono. Ultimo, ma sicuramente non per importanza, è possibile variare avanti o indietro l’anno di riferimento premendo semplicemente un pulsante.

Funzionamento

Nel foglio Impost si impostano l’anno di riferimento e il Patrono e si possono vedere le festività per l’anno selezionato.

Il foglio Calendario mostra il calendario pronto per la stampa (sufficiente un A4).

Se volete sbizarrirvi con gli stili potete selezionare con un clic le parti principali del calendario (i 4 nomi che iniziano con Cal) e variare colori, font, dimensione del carattere o reimpostare le regole di formattazione condizionale:

Qui sotto con uno stile minimalista:

Sotto un (maldestro?) tentativo di “dar colore”:

Buon lavoro!

Qui il file da scaricare: Calendario perpetuo

Pubblicato in Excel | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Programmare le assenze: il piano ferie

La pianificazione delle assenze previste (congedi, aspettative, assenze per studio, etc) è diventata ormai un’esigenza comune a tantissime realtà. Di solito, l’incaricato per la stesura del cosiddetto piano ferie spende diverso tempo e impegno nella progettazione e nella preparazione del supporto per gestire la programmazione e per presentare un elaborato chiaro agli interessati. In questo post vi mostro il supporto che ho realizzato e che magari può tornar comodo anche a voi. Continua a leggere

Pubblicato in Excel | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

La piccola guida a Daphile HIFI

Daphile è un sistema operativo (SO) sviluppato dal finlandese Kimmo Taskinen (Kipeta) che si basa su Linux Gentoo e sul Logitech Media Server + Player Squeezelite. Daphile è esclusivamente dedicato all’audio, gratuito, non ha schermo, e si controlla via browser da un altro PC, tablet o smartphone; la riproduzione può essere controllata anche da tablet o smartphone Apple, Android e Windows (basta cercare Squeeze sullo store). Il software si adatta anche a computer datati, ha tante funzionalità, è facile da installare, comodo da usare, supporta i plugin di terze parti (per Qobuz, Spotify, ecc.) e offre una qualità sonica altissima. In questo post vedremo solo alcuni indicazioni di base prendendo spunto dai post discussi sul forum di videohifi.com. Continua a leggere

Pubblicato in Audio | 36 commenti

Conversione di formato audio con X Lossless Decoder (XLD)

Oltre al ripping dei supporti ottici, XLD gestisce numerosi formati di file audio, con e senza perdita di dati, e permette la conversione di formato di file, cartelle e anche di cartelle strutturate come gli archivi.

Continua a leggere

Pubblicato in Audio | Contrassegnato | Lascia un commento

Estrazione di tracce audio con X Lossless Decoder (XLD)

X Lossless Decoder (XLD) è un semplice ma potente software Mac per estrarre, codificare, decodificare, riprodurre tracce audio in numerosi formati, con e senza perdita di informazioni. Continua a leggere

Pubblicato in Audio | 17 commenti

Sfruttare l’output sharpening di Adobe

La funzione di output sharpening (OS), che in italiano si può tentare di tradurre con nitidezza per la destinazione finale, è nata per controbilanciare la perdita di nitidezza dei dettagli introdotta dal processo di stampa e dal ricampionamento dell’immagine. In questo post vediamo le capacità di OS di Abobe Camera Raw (ACR) per immagini editate in Photoshop (PS) e pronte per “andare in stampa” e un breve accenno all’OS di Lightroom per immagini ricampionate e destinate al Web. Continua a leggere

Pubblicato in Color management | Lascia un commento

Soft proof e gamut warning in Lightroom 4

Nel menu Visualizza del modulo Sviluppo di Lightroom 4 si trova una nuova e interessante funzione che simula l’aspetto dell’immagine se convertita ad un altro profilo o se stampata. Il termine tecnico che descrive quest’operazione è prova colore a monitor o in inglese soft proof. Vediamo come funziona paragonandola alla funzione omonima di Photoshop. Continua a leggere

Pubblicato in Color management | Lascia un commento

Esposizione del target con ColorChecker Passport

Una delle variabili che possono influenzare il risultato finale del processo di profilazione di una fotocamera è rappresentata dalla corretta esposizione della cattura del target. In questo post vedremo come si differenziano tre profili generati dal ColorChecker Passport usando immagini le cui esposizioni risultano al centro e agli estremi del range consigliato dai produttori dei vari software di profilazione (tacca del Bianco a RGB 210-245).

Continua a leggere

Pubblicato in Color management | Lascia un commento

Spazi di lavoro RGB in fotografia RAW

 In questo post confronto da un punto di vista teorico i tre spazi di lavoro RGB più usati in fotografia digitale raw, sRGB, Adobe RGB (1998) e Prophoto RGB. Continua a leggere

Pubblicato in Color management | 6 commenti

Argyll e i profili ICC di fotocamera

In questo post vediamo come si comporta Argyll nella creazione dei profili di fotocamera. Continua a leggere

Pubblicato in Color management | 4 commenti